Igiene del neonato: tutto ciò che dovresti sapere

Quando ci si trova col neonato tra le braccia iniziano le sfide e le domande. E le attenzioni da dedicargli si fanno sempre più concrete e stringenti. Se avete avuto a che fare con la cura di un neonato può darsi che vi sia capitato di chiedervi: come lavare i vestitini? Quali prodotti usare per l’igiene del neonato? Perché ha questo rossore sulla pelle? Quali prodotti posso usare per la sua pelle secca?

L’arrivo di un bambino è sempre un evento felice e carico di attesa.

Soprattutto se è il primo figlio, le curiosità e le aspettative sono tante. Nei mesi che ci separano dalla sua nascita ci chiediamo come sarà la vita con lui, se faremo le scelte giuste per la sua salute, se saremo in grado di accudirlo nel migliore dei modi.

Igiene del neonato: i migliori prodotti da utilizzare

L’insicurezza spesso prende il sopravvento su molti neo genitori che si preparano ad accudire un bimbo di pochi mesi, senza averne esperienza pregressa. Anche le persone che hanno già avuto figli e si ritrovano a doversi prendere di nuovo cura di un neonato, sono spesso in preda alle ansie e alle incertezze, soprattutto riguardo la sua salute, la sua igiene e i prodotti da usare per lavarlo.

Non bisogna però avere eccessivo timore nelle scelte riguardanti l’igiene del neonato. Spesso è semplice fare le scelte giuste.

Basta conoscere alcune regole, che ti eviteranno di provare ansia nell’accudire tuo figlio e ti permetteranno di dedicarti a lui nel modo più corretto.

Leggi quanto segue e conoscerai le poche e semplici regole che faranno di te un genitore esperto sull’igiene di suo figlio.

Questi sono i punti che affronteremo:

La pelle del neonato nei primi mesi di vita

Prima di parlare in maniera approfondita di igiene del neonato, occorre fare una premessa doverosa riguardo alla sua pelle.

Nei primi mesi di vita, la cute del neonato è molto delicata.

È molto più sottile e fragile di quella di un adulto e assorbe con grande facilità qualunque prodotto entri a contatto con essa.

Per questo motivo dobbiamo osservare alcune norme igieniche fondamentali (come lavarsi bene le mani prima di prenderlo in braccio, per evitare la trasmissione involontaria di batteri), e soprattutto dobbiamo avere molta cura nella scelta e nell’applicazione dei vari prodotti sulla sua pelle.

Una pelle fragile richiede molte cure e attenzioni.

Tenerlo presente, come principio, ti potrà aiutare nei vari passaggi dei suoi primi mesi di vita.

Come fare il bagnetto

Normalmente, nei primi giorni di vita dopo le dimissioni dall’ospedale, viene sconsigliato il bagnetto, almeno finché il cordone ombelicale del neonato non sarà caduto.

In realtà, la presenza del cordone ombelicale non costituisce di per sé un ostacolo all’immersione del bambino in acqua. Semplicemente, molte persone decidono di aspettare per comodità, per evitare di bagnare la parte disinfettata del cordone.

In ogni caso, qualunque sia il momento in cui decidi di fare il primo bagnetto a tuo figlio, ti invitiamo a ricordare questi semplici passaggi.

Igiene del neonato: come fare il bagnetto

1.     Controlla la temperatura dell’acqua

La prima cosa da fare è controllare la temperatura dell’acqua (in genere deve rimanere tra i 32° C e i 35° C). Per farlo potrai utilizzare dei termometri appositi, che spesso vengono venduti a corredo di altri prodotti per la pulizia dei neonati.

2.     Prepara tutto ciò che occorre, prima di iniziare

Prima di iniziare il bagnetto assicurati di avere tutto ciò che ti occorre a portata di mano. Il neonato non potrà mai essere lasciato solo, nemmeno se disponi di una vaschetta adeguata alle sue misure.

È meglio che prepari tutti i prodotti, le spugne e gli asciugamani prima di iniziare a lavarlo, in modo da non perdere tempo e rischiare così che l’acqua si freddi.

Igiene del neonato: prepara tutto il necessario prima di iniziare il bagnetto

3.     Temperatura della stanza: né troppo caldo né troppo freddo

Anche la temperatura della stanza dove farai il bagno a tuo figlio è molto importante. Assicurati che ci sia la temperatura giusta, né troppo calda, né troppo fredda. Se il bagno di casa tua non garantisce queste condizioni, potrai tranquillamente decidere di fare il bagnetto a tuo figlio in un’altra stanza, semplicemente spostando la vaschetta.

4.     Assicurati che sia un momento rilassante per te e per lui

Se il bagnetto genera ansia nei genitori, perché magari si teme di fare male al piccolo o di sbagliare qualcosa, è meglio aspettare.

Il neonato non deve percepire disagio nel tuo tentativo di lavarlo.

Piuttosto sarà meglio aspettare quando sarai più tranquillo, e, nel frattempo, lavare il suo corpo un pezzo alla volta con l’aiuto di una spugnetta.

Il rituale del dopo-bagnetto: borotalco o non borotalco?

Tutti noi ricordiamo l’abitudine delle nostre mamme e delle nostre nonne, di utilizzare il borotalco dopo il bagno. Il suo profumo delicato e la sensazione di morbidezza che lascia sulla pelle, lo rendono unico nei ricordi di ciascuno di noi.

Oggi però l’uso del borotalco per i neonati è fortemente sconsigliato. Dopo il bagnetto, evita di spargere del borotalco sulla pelle di tuo figlio. La cute del neonato ha bisogno di mantenere liberi i pori per traspirare in modo corretto. Inoltre, il borotalco oggi viene considerato pericoloso per la prima infanzia, perché rischia di essere inalato dal bambino, mentre siamo intenti a cospargere il prodotto sulla sua pelle.

Il rituale del dopo-bagnetto è un momento di importante intimità tra te e tuo figlio.

Non necessita dell’utilizzo di troppi prodotti. Basterà un asciugamano morbido per asciugarlo bene e donargli qualche coccola in modo che viva questa esperienza senza disagi e in maniera serena e piacevole.

Igiene del neonato: evita di spargere del borotalco sulla pelle di tuo figlio.

Il cambio del pannolino

Altro passaggio delicato nei primi giorni di vita del neonato è il cambio del pannolino. Durante i suoi primi mesi di vita, non ti sembrerà di fare altro da mattina a sera se non cambiare pannolini.

Proprio perché la pelle del neonato è molto delicata, il piccolo va cambiato molto di frequente, per evitare arrossamenti e irritazioni dovuti al contatto dell’urina con la pelle.

Ma come cambiargli il pannolino nei suoi primi giorni di vita, quando sembra una creatura così fragile che solo il pensiero di toccarlo ci spaventa?

Se non sei ancora sicuro di fare questa operazione in maniera corretta, segui questi quattro passaggi e sarai più tranquillo.

Igiene del neonato: cambiare il pannolino
  1. Togli il pannolino e lava il piccolo sotto l’acqua corrente (per la temperatura giusta, leggi quanto detto in merito al bagnetto).
  2. Sostieni il bambino posizionandolo sul tuo braccio a pancia in giù.
  3. Usa un detergente delicato per pulirlo bene, assieme all’acqua.
  4. Asciuga bene con un panno morbido le parti intime del bambino. Non deve rimanere umido in nessun punto per evitare piaghe e arrossamenti.
  5. Quando è ben asciutto, metti il nuovo pannolino.

In fondo il cambio del pannolino è solo questione di pratica, però è importante sapere di doverlo lavare con acqua e di utilizzare saponi delicati e sicuri. Molte persone infatti pensano che basti pulirlo con le salviette detergenti. Fermo restando che questa scelta dipende da te, se si tratta dei primi giorni di vita consigliamo l’utilizzo di acqua corrente. Potrai comprare le salviette quando sarà passato il primo mese, così da rendere la pulizia del bambino più pratica e veloce.

Igiene del neonato: prova TerraWash

Quali saponi e detergenti usare?

Uno dei dilemmi più ricorrenti riguardo alla cura del neonato è la scelta dei saponi, shampoo, detersivi per il bucato da usare per il bagno.

Oggi il mercato offre numerosi prodotti per l’igiene dei neonati, ma siamo proprio sicuri che un bimbo appena nato abbia bisogno di così tanti prodotti?

Quando si ha un neonato cui badare, si sa, le spese sono tante: pannolini, passeggino, carrozzina, corredo: non si finisce mai di comprare cose nuove.

I prodotti per neonati, in generale, non costano mai poco.

Dunque, se è possibile risparmiare almeno sulla scelta, ad esempio, dei saponi da utilizzare per il bagno – senza per questo trascurare le attenzioni che merita la salute di nostro figlio – è sicuramente un guadagno.

In merito ai saponi per neonati ti accorgerai che non serve sempre comprare le marche più costose per fare la scelta giusta.

Ci sono moltissimi detersivi ecologici, anche meno conosciuti, che sono composti da sostanze delicate e naturali, e svolgono comunque la loro funzione detergente e disinfettante come gli altri.

Leggi le etichette dei saponi e degli shampoo prima di comprarli.

Scoprirai che questa accortezza tornerà utile anche a te, per una cura più salutare della tua persona.

È molto importante poi preoccuparsi di scegliere bene il detersivo per neonato. I detersivi da bucato con componenti che non siano naturali al cento per cento, possono essere molto più dannosi per la pelle di un neonato rispetto ad altri prodotti per la sua igiene.

Oggi sono ancora molto rari i detersivi ecologici da bucato che siano al cento per cento naturali.

Questo aspetto è molto importante perché i detersivi da bucato tradizionali contengono delle sostanze, dette tensioattivi, dannose per la pelle di tuo figlio. I detersivi chimici molto spesso lasciano dei residui di queste sostanze sui tessuti, anche dopo il lavaggio. Il rischio, in questo caso, è che la pelle di tuo figlio assorba in maniera passiva sostanze dannose per la sua salute.

Igiene del neonato: evita di usare i detersivi chimici.

L’importanza del sapone da bucato per l’igiene del neonato: TerraWash l’alternativa naturale

L’igiene del neonato comprende come detto poco fa, anche il lavaggio dei tessuti che entreranno a contatto con la sua pelle (tutine, body, lenzuola, asciugamani). Per questo sarà fondamentale per te sapere che il bucato per il neonato, non si deve fare allo stesso modo di quello degli adulti.

Ti starai chiedendo: in che cosa devo cambiare le mie abitudini nel lavare i panni?

Te lo spiego subito.

Prima di tutto, così come devi prenderti il tempo necessario per la scelta dei giusti prodotti per la pulizia del suo corpo, allo stesso tempo dovrai dedicarti in maniera seria alla scelta del detersivo per neonato.

Mentre per i prodotti da bagno ormai l’offerta del mercato è molto ampia ed è più semplice trovare prodotti che siano conformi alla delicatezza della sua pelle, lo stesso non si può dire dei detersivi per neonato.

Fortunatamente ci sono però dei prodotti perfetti per l’igiene del neonato, come TerraWash.

TerraWash è completamente naturale, ipoallergenico ed è l’ideale per lavare i panni del neonato. È composto esclusivamente da magnesio purificato, che agisce naturalmente sui capi e li igienizza, senza lasciare residui dannosi per la cute.

Una volta che avrai inserito un sacchettino di TerraWash direttamente nel cestello della lavatrice, il magnesio contenuto al suo interno entrato in contatto con l’acqua, ne modificherà la composizione.

L’acqua alcalina ionizzata così composta avrà già da sola la capacità pulente e igienizzante e agirà sui panni lavandoli in modo del tutto naturale.

Se usi TerraWash per lavare i capi di tuo figlio, avrai veramente la garanzia di una corretta igiene e di una protezione del suo bucato da germi e batteri. 

Ora che conosci i segreti per una corretta cura del neonato nei suoi primi giorni di vita, potrai goderti questi momenti come un regalo, in totale gioia e consapevolezza.

Igiene sicuro del neonato: stai cercando la soluzione ideale?