MCS: quali prodotti evitare?

Parlare di MCS può rivelarsi molto complesso: se da una parte chi ne soffre conosce bene quanto sia impattante sulla qualità di vita, dall’altra per chi non ne è affetto è complesso capirne i meccanismi e le implicazioni. Proveremo a fare chiarezza, capendo in particolare quali sono i prodotti che peggiorano questa sindrome.

La sensibilità chimica multipla è ancora oggi una condizione poco conosciuta e difficilmente diagnosticata e diagnosticabile, nonostante sempre più persone ne vengano colpite (annmccampbell.com).

Si tratta di una condizione in cui il contatto con componenti chimici, che fino a quel momento non causavano problemi, improvvisamente porta a forti reazioni di tipo simil allergico.

Coloro che ne sono colpiti in maniera lieve o moderata possono, con piccoli aggiustamenti nel loro stile di vita, continuare a condurre una vita normale.

Sono coloro che ne soffrono in maniera importante a vedersi invece stravolta la vita. Questi ultimi, si ritrovano spesso prigionieri nelle loro case, impossibilitati ad andare in qualunque luogo a causa della severità dei sintomi.

Quindi, la presenza di innumerevoli sostanze chimiche nella nostra vita e la mancanza di conoscenza riguardo la MCS rendono la patologia una delle più devastanti a livello sociale.

MCS: prodotti che ne scatenano i sintomi

In questo articolo cercheremo quindi di fare chiarezza sia sulla sindrome chimica multipla in sé, sia sui prodotti che ne sono la causa scatenante.

Cos’è la sensibilità chimica multipla?

La definizione di sensibilità chimica multipla più usata e riconosciuta è quella di Cullen, che prende in considerazione 4 elementi fondamentali e che riportiamo in maniera fedele (aafp.org):

  1. La sindrome viene acquisita dopo un’esposizione ambientale documentabile, che può aver causato effetti sulla salute oggettivi
  2. I sintomi sono riferibili a più sistemi di organi e variano in modo prevedibile in risposta a stimoli ambientali
  3. I sintomi si verificano in relazione a livelli misurabili di sostanze chimiche, ma i livelli sono inferiori a quelli noti per nuocere alla salute

Approfondiamo allora insieme questi 3 punti, analizzando nello specifico cosa causa la sindrome chimica multipla e quali sono i sintomi.

Quali sono le cause della MCS?

Abbiamo detto che la MCS si manifesta anche ad esposizioni minime ad agenti chimici. Ma perché avviene tutto ciò?

Un corpo sano riesce a convertire le piccole quantità di elementi tossici e chimici assorbiti, attraverso la pelle, l’alimentazione o l’olfatto, in sostanze innocue e ad espellerle.

Nelle persone che soffrono di sensibilità chimica multipla invece questo processo non funziona come dovrebbe. Gli elementi chimici rimangono nel corpo, accumulandosi e diventando così tossici per l’organismo che, non riuscendo ad espellerli, può reagire in maniera anche aggressiva (mcs-aware.org).

Perché il processo di disintossicazione si blocchi in chi è affetto da MCS, è ancora oggetto di studio. La poca conoscenza della patologia ha portato in passato, ma ancora oggi in alcuni paesi è così, a ritenerla un problema psicologico legato ad una stato di ansia, rallentando così di fatto la ricerca di cause biologiche oggettive e quindi di una cura.

Ecco allora che evitare l’esposizione ad elementi chimici diventa, ad oggi, l’unica strada per ridurre i sintomi per chi soffre di MCS.

MCS: con quali sintomi si presenta

Sintomi della sindrome chimica multipla

Le reazioni alle esposizioni chimiche variano in base alla severità della sindrome. I sintomi si differenziano quindi principalmente in tre categorie:

  1. Sintomi del sistema nervoso centrale
  2. Irritazione respiratoria e delle mucose
  3. Problemi gastrointestinali

Non si tratta di semplice intolleranza, ma di veri e propri stati di malessere che possono includere:

  • Improvvisa debolezza debilitante
  • Letargia
  • Congestione nasale
  • Mal di testa
  • Dolori muscolari
  • Confusione
  • Annebbiamento mentale
  • Nausea
  • Sudorazione
  • Ansia acuta
  • Attacchi di panico o depressione acuta
  • Talvolta collasso

La sofferenza fisica si unisce nei casi più gravi, come si può vedere, a quella psicologica. Nel tentativo di evitare i sintomi, la persona affetta da MCS si ritrova ad isolarsi dal contatto con l’esterno e le persone (The Burghwood Clinic).

È proprio questo aspetto che negli anni ha reso difficile scindere l’aspetto psicologico e psichiatrico in fase di diagnosi.

Chiarito come nasce la sensibilità chimica multipla e quali sono i sintomi, andiamo a capire i prodotti e/o gli elementi che possono scatenare queste reazioni e che sono presenti nel nostro quotidiano.

MCS: igienizzare il bucato senza aggiunta di sostanze chimiche

Cosa evitare se soffri di MCS

Chi è affetto da MCS può reagire ai cibi, a ciò che viene inalato o che entra a contatto con la pelle.

Come abbiamo detto, i pazienti con sensibilità chimica multipla possono avere sintomi gravi tali da interferire con la loro vita.

I trigger più comuni sono i composti organici volatili (VOCs) presenti in:

  • Componenti chimici e profumi presenti nei detersivi
  • Articoli da toeletta
  • Profumi
  • Deodoranti
  • Solventi
  • Plastica
  • Gomma
  • Fumo
  • Fumi di scarico
  • Pesticidi
  • Vernici
  • Prodotti per la pulizia

Alcuni sono sensibili anche ai cibi, le muffe, i campi elettromagnetici, Wi Fi e telefonini. Dopo un’esposizione, i sintomi possono manifestarsi immediatamente o presentarsi dopo ore o giorni. Le reazioni possono durare da pochi minuti a settimane o mesi.

I trigger più pericolosi, perché invisibili e presenti in tantissimi prodotti di uso quotidiano, rimangono comunque i VOCs. Questi abbiamo visto essere presenti anche nel prodotto domestico per eccellenza: il detersivo per il bucato.

Si tratta infatti di un prodotto che entra a contatto con noi sia mentre lo usiamo sia attraverso i nostri abiti.

Vediamo in particolare quanto incide il detersivo per la lavatrice nella vita di una persona affetta da MCS.

L’impatto del detersivo per lavatrice sulla sensibilità chimica multipla

Secondo il sito Mother Earth Living la lavanderia è una delle aree più tossiche per chi soffre di MCS. I VOCs emessi possono essere più di 25 mentre si fa la lavatrice o si usa l’asciugatrice, 7 di questi indicati come inquinanti atmosferici pericolosi.

Come se non bastasse, i detersivi chimici per il bucato contengono componenti che restano sui vestiti anche dopo il lavaggio, potendo essere assorbiti attraverso il contatto con la pelle o rilasciati nell’aria e respirati.

In particolare, i detersivi chimici più comuni contengono i seguenti elementi pericolosi per chi soffre di sensibilità chimica multipla:

  • Sodio lauril solfato (SLS)
  • Diossano (1,4 diossano)
  • Solfonato di benzene alchilico lineare (LAS)
  • Distillati di petrolio
  • Fenoli
  • Sbiancanti ottici
  • Profumi chimici aggiunti
  • Fosfati
  • Acido tetracetico di etilene diammina (EDTA)
  • Ipoclorito di sodio (candeggina)

Se la soluzione è quella di cercare di evitare il contatto con queste sostanze, come fare il bucato?

L’unica opzione è quella di cambiare rotta e orientarsi verso i detersivi naturali.

Tra questi cerca di individuarne uno che sia il più compatibile possibile con la severità della tua condizione. Noi possiamo suggerirti come scelta TerraWash, un detersivo senza profumi chimici e naturale.

MCS: L’impatto del detersivo per lavatrice sulla sensibilità chimica multipla

TerraWash: il detersivo sicuro per chi soffre di MCS

In una condizione delicata come quella della MCS, il nostro consiglio è di rivolgerti sempre ad un medico prima di fare scelte riguardo i prodotti da usare o evitare.

Detto questo, anche alla luce dei riconoscimenti e certificazioni che TerraWash possiede, ci sentiamo di suggerirtelo come possibile soluzione sicura ed efficace per la pulizia del bucato.

TerraWash è un modo innovativo di fare il bucato, e anche per questo risulta più sicuro, ecologico e delicato rispetto ai detersivi tradizionali.

Si tratta di un piccolo sacchettino bianco traforato, pratico e maneggevole, che diventerà il tuo nuovo alleato naturale per la detersione del bucato di tutta la famiglia.

Ti basterà inserire nel cestello della lavatrice il sacchettino insieme con il bucato ed il gioco è fatto.

TerraWash farà tutto da solo. Ma come?

Al suo interno TerraWash contiene magnesio purificato al 99,95%. Il magnesio, a contatto con l’acqua, dà vita ad una reazione chimica che eleva il Ph dell’acqua fino a 10.5, rendendola alcalina ionizzata.

Grazie a questa reazione, l’acqua diventa capace di rimuovere sporco, germi e batteri con la sua sola azione. Tutto, anche se sembra complesso, avverrà in maniera semplice dentro la tua lavatrice senza che tu debba fare niente.

Alla fine del ciclo di lavaggio il tuo bucato sarà fresco, pulito ed igienizzato, pronto per essere steso al sole. Potrai fare subito un altro carico oppure appendere il tuo TerraWash ad asciugare grazie alla comoda etichetta.

Se ti chiedi per quanto tempo potrai usare TerraWash, ti sorprenderemo: durerà per ben un anno!

Il contenuto di magnesio infatti è calcolato per durare all’incirca un anno, considerando una media di 5 o 6 lavaggi settimanali. Per essere comunque sicuro ti consigliamo di pesare il tuo sacchettino: se il peso è sugli 80 grammi è il momento di dire addio al vecchio TerraWash per accoglierne uno nuovo.

Le sfere di magnesio residue potrai usarle come fertilizzante naturale, mentre il sacchettino andrà smaltito come plastica.

Se prima abbiamo parlato di come funziona l’azione pulente di TerraWash, vediamo adesso cosa lo rende veramente adatto per chi soffre di MCS.

MCS: Terrawash, ecologico e senza sostanze chimiche

È un detersivo ecologico privo di sostanze chimiche

Abbiamo detto che il magnesio è l’elemento che costituisce TerraWash ma non abbiamo ancora parlato delle sue caratteristiche.

Si tratta innanzitutto di un elemento naturale, quindi non di origine sintetica, al quale vengono riconosciuti numerosi effetti benefici sulla salute (per le ossa, il sistema nervoso ed il metabolismo). In quanto naturale risulta anche ecologico e quindi amico dell’ambiente.

Usato per il bucato è un ottimo antibatterico ed igienizzante, rendendo così di fatto TerraWash un detersivo ipoallergenico perfetto per pelli sensibili.

TerraWash contiene solo magnesio ed è quindi un detersivo naturale e privo di profumi sintetici o altri additivi chimici. Utilizzandolo, il tuo bucato odorerà solo di fresco pulito e sarà totalmente igienizzato e sicuro, pronto per essere indossato.

Non lascia residui su bucato e lavatrice

TerraWash ha ottime prestazioni pulenti ed igienizzanti. Come provato dai test di laboratorio, rimuove batteri, sporco ed allergeni in maniera efficace. Ma è nella rimozione degli odori che si dimostra sorprendente: li rimuove 10 volte di più rispetto ad un detersivo tradizionale.

Puoi avere un bucato veramente pulito, sicuro ed igienizzato solo se anche la lavatrice che usi per lavarlo lo è. Ecco allora che TerraWash può rivelarsi un ottimo alleato anche in questo caso. Potrai usarlo infatti per pulire la lavatrice in maniera naturale ma anche per togliere eventuali formazioni di muffa.

I detersivi chimici infatti rimangono spesso negli angoli più nascosti della lavatrice portando con sé anche sporco e batteri. Questi, nel tempo favoriscono, insieme ad altri fattori, la formazione di muffa se non rimossi con un’accurata pulizia.

Usando TerraWash, che non lascia residui, avrai la certezza di lavare il tuo bucato in una lavatrice perfettamente igienizzata. Solo così avrai dei vestiti veramente sicuri per te.

MCS: evita i sintomi con TerraWash

Evita i sintomi della sensibilità chimica multipla con TerraWash

In questo articolo ti abbiamo spiegato cos’è la sensibilità chimica multipla e quanto sia complesso conviverci per chi ne soffre.

Il percorso di diagnosi è ancora incerto e questo rende difficile trovare una cura. Ecco allora che l’unica opzione per chi è colpito da MCS è quella di tenere sotto controllo i sintomi. Questo può essere fatto solo evitando gli elementi trigger, che possono essere sotto forma di VOCs o prodotti.

Il detersivo per bucato rappresenta un pericolo sia perché contiene VOCs sia per i suoi componenti fisici. L’unica soluzione efficace in questo caso è quindi cambiare detersivo, optando per una soluzione ecologica, naturale e delicata che sia priva di componenti chimici e profumi.

Il detersivo ecologico TerraWash può aiutarti nella lotta alla MCS. La sua formulazione naturale e delicata è anche ipoallergenica, rendendolo il detersivo perfetto per chi deve convivere con una malattia rara come la sindrome chimica multipla.

Soffri di MCS e cerchi un detersivo sicuro per lavare il tuo bucato?